Galleria Gentile Polo

Bacco e l'uva (acquerello)
Capre a Latfons (acquerello)
Semina (inchiostro di china)
Le bagnanti (acquerello)
Viviamo di niente (acquerello)
Pensieri da spiaggia (acquerello)

4.4 Condensatori in serie ed in parallelo

Due condensatori possono essere collegati tra loro, medianti fili conduttori, a formare un sistema di condensatori; ciò può essere fatto in due modi, detti rispettivamente collegamento in parallelo e collegamento in serie. Nel collegamento in parallelo le armature dei due condensatori vengono collegate a due a due (la prima armatura del primo condensatore alla prima armatura del secondo condensatore, e le seconde armature tra di loro; vedi figura 4.11). Il sistema così ottenuto è un sistema di due conduttori, A e B, che costituisce (se si trascura la capacità dei fili di collegamento) esso stesso un condensatore, la cui capacità C può essere facilmente espressa in termini delle capacità C1 e C2 dei due condensatori di partenza. Quando i condensatori sono considerati separatamente, si ha: 


Figura 4.11

 
Q1 =  C1V1                 Q2 =  C2V2             (4.14)

ove Q1 e Q2 sono le cariche rispettivamente possedute da C1 e C2, e V1 e V2 le rispettive differenze di potenziale. In virtù del collegamento in parallelo, però, si ha:

 V1 = V2 = |VB - VA| = V

 
Figura 4.12
  per cui sommando membro a membro le 4.14 si ottiene:

Q1 + Q2 = C1V1 + C2V2 = C1V + C2V = (C+ C2)V

 da cui:

(CC2) = (Q1 + Q2)/V = Q/V = C

avendo tenuto conto del fatto che Q1 + Q2 rappresenta la carica Q posseduta complessivamente dalla capacità C (figura 4.12). Dunque, la capacità C del sistema formato da due o più condensatori collegati in parallelo è pari alla somma delle rispettive capacità:

 C = Σ Ci         (4.15)

Nel collegamento in serie, mostrato in figura 4.13, una sola armatura del primo condensatore C1 è collegata con una armatura del secondo condensatore C2 ; il sistema risulta così formato da tre conduttori: A, B ed E. Se, mantenendo il punto B a potenziale fisso (ad esempio collegandolo a terra) e lasciando il conduttore E elettricamente isolato (in modo che resti elettricamente scarico), si fornisce all'armatura A una carica +Q, sulle altre armature dei due condensatori si induce la configurazione di cariche mostrata in figura 4.13. Infatti, la seconda armatura di C1 assume una carica -Q per il fenomeno dell'induzione completa; l'armatura di C2 collegata ad E assume carica +Q per il fatto che il conduttore E deve restare elettricamente scarico; e la seconda armatura di C2 assume carica -Q per l'induzione completa. Si mostra immediatamente che sussiste una relazione di proporzionalità fra la carica Q e la differenza di potenziale V = (VA - VB).

Figura 4.13

Infatti si ha:

                 VAVE = Q/C1                        sul primo condensatore

                 VE - VB = Q/C2                        sul secondo condensatore

Sommando membro a membro:

VVA - VB = Q/C1 + Q/C2 = Q(1/C+ 1/C2) = Q(C1+ C2)/(C1C2)                   (4.16)

Il rapporto Q/V = C viene detto, naturalmente, capacità del sistema di condensatori in serie. Dalla 4.16 si ricava:

 C = Q/V = (C1C2) / (C1+ C2)                (4.17)

 ovvero:

1/C = 1/C1+ 1/C2                           (4.18)

Pertanto, la serie di due o più condensatori ha capacità C il cui inverso è pari alla somma degli inversi delle capacità dei singoli condensatori che costituiscono il sistema:

1/C = Σ 1/Ci         (4.19)

 

Statistics

Utenti
2
Articoli
157

Notizie recenti